Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloNote su Crotone tra IV e VII secolo
Autore(i)
Data rilascio2010
Contenitore, TitoloAtti del Secondo Seminario sul Tardoantico e l’Altomedioevo in Italia Meridionale (Foggia - Monte Sant’Angelo 27-28 maggio 2006)
Riferimentip. 219-232
Casa editriceEdipuglia srl - Bari
TipoAtto di convegno
Classificazioni Biblioteca GAK
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 8264
Data inserimento: 30-06-2020 00:34
Data ultima revisione 30-06-2020 00:37
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/chiara-raimondo-alfredo-ruga-note-su-crotone-tra-iv-e-vii-secolo-2010/

L’archeologia urbana a Crotone risale alla prima metà del XX secolo quando, durante lo scavo intermedio per costruzione di abitazioni e infrastrutture, ha iniziato ad emergere una realtà archeologica estesa, complessa e di lunga durata.
Sfortunatamente, fino agli anni ’90 la ricerca urbana si ferma qui, limitata solo alle azioni per il recupero di materiali sporadici e decontestualizzati, tranne in rari casi, spesso ancora inediti.

Dell’insediamento, tra Antichità Tarda e Altomedioevo, allo stato attuale della ricerca si conosce poco. Un contributo importante, soprattutto dal punto di vista analitico, è stato offerto da Margherita Corrado che, sotto la supervisione di Paul Arthur, ha discusso nel 1999 una tesi di Specializzazione in Archeologia all’Università della Basilicata, occupandosi di Crotone e del suo territorio tra Tardoantico ed Altomedioevo, studio parzialmente edito nel 2001.

Questo studio si è incentra sull’analisi di una selezione di materiali provenienti dai recuperi più svariati, la maggior parte non stratigrafici.

A confronto con le altre città dei Bruttii, Crotone segue un’evoluzione peculiare: partendo da un insediamento poco esteso e di importanza limitata d’epoca imperiale, nel momento in cui nelle altre città calabresi
inizia una fase di profondi cambiamenti che, anche se di complessa codificazione, dirigono verso una sostanziale parcellizzazione e/o contrazione dell’abitato, Crotone sembra al contrario ingrandirsi. Ove insistevano necropoli di II-III secolo, si sviluppano attività di vario tipo (artigianali, o comunque vi è attestazione di frequentazione). Monete e ceramiche si collocano in maggioranza tra il IV e la metà del V secolo, mentre molto più rari sono i rinvenimenti da riferire al VI-VII secolo, momento in cui al contrario, dopo un lungo silenzio durato cinque secoli, Crotone ricompare nelle fonti scritte, coinvolta come abbiamo visto nelle fasi della guerra greco-gotica. Da spiegare quindi è la crisi che sembra colpire l’insediamento tra la seconda metà del V e il VI-VII secolo.

Articoli e Pubblicazioni correlati

  1. Le mura bizantine di Crotone
    (  articolo del 24-05-2020)

Visualizzazioni: 4