Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloL’Età del Ferro nel territorio di Crotone
Autore(i)
Data rilascio2014
Contenitore, TitoloMuseo dei Brettii e degli Enotri
Riferimentip. 49-51
Casa editriceRubbettino
TipoParagrafo di Libro
Classificazioni Biblioteca GAK
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 6215
Data inserimento: 19-03-2020 01:24
Data ultima revisione 09-04-2020 23:41
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/d-marino-leta-del-ferro-nel-territorio-di-crotone-2014/

Gli insediamenti del territorio crotonese inquadrabili nella prima età del ferro sono oltre quaranta e tra questi ben trenta sono i siti di nuova attivazione.

Unici abitati, sicuramente già attivati nell’età del Bronzo finale, che proseguono la loro vita nel corso della prima età del ferro sono quelli di Kroton/Crotone, di Corazzo (Isola di Capo Rizzuto), Siberene (?)/Serre d’Altilia (Santa Severina) e Timpone Santo Litano (San Mauro Marchesato).

Il promontorio di Kroton è occupato da un insediamento esteso, distribuito in più nuclei per complessivi oltre 50 ettari, nella fase avanzata del Bronzo medio, nel Bronzo recente, nel Bronzo finale e nel primo Ferro, apparentemente senza soluzione di continuità.

Il resto del territorio è “colonizzato” da alcune decine di nuovi siti. Tra questi è necessario ricordare: Petelia/Strongoli, Makalla (?)/le Murgie, Pandosia (?)/Timpone del Castello, Scuzza, Spartìa e Serra di Dera nell’alta valle del fiume Lese.

Si può sicuramente parlare di una globale ristrutturazione dell’insediamento nella Calabria centro-orientale, molto evidente rispetto alla fase precedente.

Calabria centro-orientale, carta altimetrica con distribuzione dei principali siti della prima età del Ferro: 587. Cozzo Cerasello, 588. Brugliaturo, 583. Palumbo, 586. Cozzo del Salto, 597. Serre Boscose-Fiume Nicà, 591. Sant’Elia di Cirò, 592. Cozzo del Santarello di Cirò, 598. Muzzunetti, 506. Strongoli, 505. Cersi del Russo, 504. le Murgie, 503. Casabona, 502. Zinga, 700. Timpone del Castello/Scuzza/Spartìa, 511. Timpone del Gigante, 563. Lago Ampollino – riva Nord, 544. Lago Ampollino – riva Sud, 512. Serre d’Altilia, 514. Monte Fuscaldo, 513. Timpa della Zita, 571. Serra dell’Aranco, 573. Timpone S. Litano, 551. Serra di Galloppà, 516. Santa Domenica, 519. Serre del Vituso, 517. Catalano, 518. Guidonello, 521. Kroton/Crotone, 520. Vigna Nova di Crotone, 526. Manche della Vozza, 527. Capo Lacinio, 30-31-32-33-189-190. Est di San Giovanni /Costiere, 378. Fossa dell’Acqua, 558. Corazzo, 701. Marcedusa-Battaglia, 578. Carvane, 595. Simeri Crichi, 596. Donnomarco, 567. Tiriolo. D. Marino – G. Pizzitutti – “Un ripostiglio di bronzi dal territorio a sud di Crotone” (2008)

Articoli e Pubblicazioni correlati