copertina libro generica
Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloMurgie: the fortified Bruttian site
Autore(i)
Data rilascio19/12/2017
Contenitore, Titolohttps://groma.unibo.it/
Riferimenti02/2017
Casa editriceUniversità degli Studi Roma Tre
TipoArticolo di periodico specializzato
Classificazioni Biblioteca GAK
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Sito Web   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 5992
Data inserimento: 06-03-2020 15:25
Data ultima revisione 06-03-2020 15:25
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/f-m-oliverio-murgie-the-fortified-bruttian-site-2017/

Abstract del Rapporto di Ricerca

Lo scopo dell’indagine era quello di creare una cartografia topografica e archeologica specifica del sistema di difesa della Murgie di Strongoli.

Per l’esecuzione del progetto sono stati utilizzati strumenti GPS sofisticati per i rilievi, da confrontare con la vecchia cartografia topografica e archeologica.

Attraverso il lavoro di indagine si è cercato di comprendere e classificare l’intero sistema fortificato dell’età di Brettii e ipotizzare l’evoluzione di questo sistema in relazione all’altopiano e alle tecniche di costruzione.

L’area di Murgie fu identificata per la prima volta da Juliette De La Genière nel 1971 e successivamente alcuni restauri furono effettuati dal sovrintendente per il patrimonio archeologico nel 1976 e da regolari scavi nel 1983, 1988 e 1990. Gli oggetti recuperati più antichi dell’altopiano risalgono probabilmente a la fine dell’era paleolitica, oltre ad alcuni frammenti dell’industria dell’influenza. 

Per quanto riguarda il IV – III secolo a.C., sono i più prolifici nella produzione di manufatti e in termini di crescita demografica dell’area. Le prove più recenti sono un mattone intero trovato durante un sondaggio e possono essere confrontati con altri esempi che provengono dalle aree topografiche più alte di Crotone risalenti al II secolo a.C.