Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloIl litorale Jonico calabrese da Crotone a Reggio. Circolazione di manufatti ceramici tra V e VII secolo d.C.
Autore(i)
Data rilascio2010
Contenitore, TitoloLate Roman Coarse Wares, Cooking Wares and Amphorae in the Mediterranean: Archaeology and archaeometry. Comparison between western and eastern Mediterranean, (Parma/Pisa, 26-30 marzo 2008), BAR I.S. 2185, Oxford 2010.
Riferimentip. 507-513
TipoParagrafo di Libro
Classificazioni Biblioteca GAK
Categorie [Crotone],  [Periodo 5. Alto Medioevo], 
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Academia.edu   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 8019
Data inserimento: 26-05-2020 14:14
Data ultima revisione 26-05-2020 14:23
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/francesco-cuteri-il-litorale-jonico-calabrese-da-crotone-a-reggio-circolazione-di-manufatti-ceramici-tra-v-e-vii-secolo-d-c-2010/

L’area di Punta Stilo è da anni oggetto di indagini stratigrafiche e survey che hanno permesso di ricavare numerosi dati inerenti la frequentazione tra età tardo antica e altomedievale. L’edificio indagato in località San Marco, identificato come parte del complesso della statio di “Caulon/Stilida ” citata negli Itineraria, mostra almeno tre fasi di vita che offrono un emblematico esempio delle trasformazioni economiche e sociali avvenute in quei secoli. I dati raccolti grazie alle survey nelle aree circostanti permettono, inoltre, di formulare nuove ipotesi circa la distribuzione spaziale delle restanti parti del complesso. li rinvenimento di ceramica importata da varie regioni del Mediterraneo, associata a prodotti locali, consente di tracciare un quadro preliminare dei commerci dal quale emerge il ruolo della statio di Stilida come importante approdo marittimo.

Il presente contributo analizza i dati emersi dallo studio dei reperti ceramici ivi rinvenuti inserendoli all’interno di una più ampia
analisi che interessa la costa fonica calabrese centro-meridionale.

Il confronto con siti di particolare importanza quali Crotone, Scolacium, Locri, Gioiosa, Casignana, Bova Marina e Reggio ha permesso di tracciare un quadro di sintesi che mostra importanti elementi di novità circa i possibili itinerari commerciali che interessano la regione tra IV e VII secolo.

PAROLE CHIAVE:
Calabria; Punta Stilo; Statio Di Caulon; Villa-Pretorium; Scolacium; Anfore Keay LII; Anfore Lr1-2-3; Menorah Ebraica; Crotone; Reggio Calabria; Limes Bizantino; Ceramica Africana.

Visualizzazioni: 4