Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloNicola Sculco, dimenticato protagonista del panorama culturale crotonese a cavallo del Novecento
Autore(i)
Data rilascio2017
Contenitore, TitoloAA.VV., 9 personaggi di paesi e città di Calabria, (Quaderni UPMED n. 1), Cotronei,
Riferimentipp. 187-209
Casa editricepubliGRAFIC
TipoParagrafo di Libro
Classificazioni Biblioteca GAK
Categorie[Varie], 
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Academia.edu   Sito Web   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 6647
Data inserimento: 02-04-2020 23:36
Data ultima revisione 25-04-2020 01:55
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/margherita-corrado-nicola-sculco-dimenticato-protagonista-del-panorama-culturale-crotonese-a-cavallo-del-novecento-2017/

Nicola Sculco (Crotone, 28 gennaio 1846 – Crotone, 3 dicembre 1913) è stato uno storico italiano, noto per essere stato il promotore di diverse iniziative volte a migliorare l’aspetto socio-culturale della città pitagorica. Suo fratello Riccardo, medico, è stato sindaco di Crotone.

Biografia

Nacque a Crotone il 28 gennaio 1846 da Domenico Sculco (1808-1872), duca di Santa Severina, e da Aurora dei baroni de Rosis (1822-1898).

Intraprese gli studi classici al Convitto nazionale di Catanzaro; fu però costretto ad interromperli per stare vicino al padre, gravemente ammalato di gotta. Nonostante questo, però, proseguì i suoi studi da autodidatta e si interessò sempre di più agli studi storici della sua città natale, Crotone.

Nel 1903 fu uno dei fondatori dell’attuale museo civico di Crotone insieme al marchese Eugenio Filippo Albani e ad Armando Lucifero, dove il senatore Giovanni Barracco promise di donare diversi reperti archeologici appartenenti alla sua collezione, ma che in seguito donò al Museo di Scultura Antica di Roma (che oggi porta il suo nome).

Fu a capo delle onoranze da tributare ai Fratelli Bandiera e ai martiri crotonesi del 1799, ricordati con due lapidi marmoree apposte alla facciata del Palazzo San Giovanni, un tempo sede del Comune; fu anche uno dei primi a chiedere che venissero compiuti degli scavi archeologici all’interno del promontorio di Capo Colonna per via dell’importanza di cui esso godeva, ossia la presenza, in epoca magno-greca, del Tempio di Hera Lacinia. Nel 1910 ottenne l’appoggio dal governo Luzzatti nel proseguimento degli scavi grazie al sostegno di Alfonso Lucifero.

Foto di Nicola Sculco

Nicola Sculco, Necrologio Società Tiro a Segno – Giornal e del Tiro a segno nazionale 12 gennaio 1914

Documenti correlati

  • Don F.Giungata, “Famiglia Sculco“, pagina web in “Nobili Napoletani”