Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloPaolo Orsi (1859-1935): la “dura disciplina” e il “lavoro tenace” di un grande archeologo del Novecento
Autore(i)
Data rilascio2005
Contenitore, TitoloMagna Graecia. Archeologia di un sapere, (Catalogo mostra: Catanzaro 2005), a cura di S. Settis e M.C. Parra, Milano, Electa
Riferimentipp. 192-197
TipoLibro
Classificazioni Biblioteca GAK
Categorie[Varie], 
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Academia.edu   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 6642
Data inserimento: 02-04-2020 14:10
Data ultima revisione 25-04-2020 01:54
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/maurizio-paoletti-paolo-orsi-la-dura-disciplina-e-il-lavoro-tenace-di-un-grande-archeologo-del-novecento-2005/

Pietro Paolo Giorgio Orsi (Rovereto, 17 ottobre 1859 – Rovereto, 8 novembre 1935) è stato un archeologo italiano.

Riportiamo alcuni elementi bibliografici estratti da Wikipedia: nel 1907 ricevette l’incarico di organizzare la Soprintendenza della Calabria con sede a Reggio Calabria e contribuì alla nascita del grande Museo Nazionale della Magna Grecia; in particolare lavorò a Reggio, a Locri, a Crotone, a Sibari, a San Giorgio Morgeto e a Rosarno, dove continuò lo studio sulla Magna Grecia. Scoprì città, un tempio ionico, antiche mura e i siti di Medma, Krimisa e Kaulon. Scavò per diversi anni a Monteleone di Calabria (attuale Vibo Valentia). Nel 1908 individuò il Persephoreion a Locri, dove eseguì ulteriori indagini nei dintorni. […]. Nel 1923 con Regio Decreto gli venne affitata la direzione della Sovrintendenza alle antichità di Siracusa; mantenne il doppio incarico anche in Calabria fino alla nomina di un Soprintendente per la Calabria nel 1924 e si concentrò nell’attività in Sicilia, rifiutando la nomina alla cattedra universitaria.

La pubblicazione di Maurizio Paoletti, docente di Archeologia Classica presso l’Unical, presenta, in maniera dettagliata, la figura del grande archeologo.

Paolo Orsi (1859-1935), esamina i reperti degli scavi di Cirò nel 1927
L’archeologo Paolo Orsi (1859-1935), esamina i reperti degli scavi di Cirò nel 1927. Full credit: De Agostini Picture Library

Per altre foto ed informazioni si consiglia il seguente articolo:
TRENTINI FAMOSI, MA NON TROPPO – 32 – PIETRO PAOLO GIORGIO ORSI
Pubblicato il 17 Maggio 2016 da CornelioGalas su Televignole