Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloCrotone, inverno 1878-79, monete dalle sponde dell’Esaro
Autore(i)
Data rilascio2015
Contenitore, TitoloRivista Italiana di Numismatica
RiferimentiXCVI
Casa editriceSocieta Numismatica Italiana Onlus - Milano
TipoLibro
Classificazioni Biblioteca GAK
Categorie[Kroton, Monetazione], 
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Academia.edu   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 7728
Data inserimento: 05-05-2020 17:28
Data ultima revisione 07-05-2020 17:38
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/margherita-corrado-crotone-inverno-1878-79-monete-dalle-sponde-dellesaro-2015/

L’obiettivo di questo articolo è quello di ricostruire il ritrovamento di un deposito di monete scoperto nell’inverno 1878-79 a Crotone, lungo il fiume Esaro, originariamente situato nel mezzo dell’area suburbana dell’antica città.

Le discrepanze della documentazione e le circostanze esatte sono state studiate a seguito delle fonti disponibili, al fine di creare una fedele ricostruzione della scoperta.

Questo tesoro è stato considerato una scoperta eccezionale, soprattutto in una parte della città che nell’ultimo decennio ha dato prove analoghe, sebbene finora trascurata a causa delle difficoltà di identificare alcuni vecchi toponimi.

L’articolo tenta di ricostruire le reali circostanze del rinvenimento fortuito di un ricco tesoretto monetale venuto alla luce nel suburbio di Crotone, nell’inverno 1878-79, a causa di una frana verificatasi sulla riva destra del fiume che, nella Kroton magno-greca, correva in mezzo all’area urbana.

Partendo dal confronto delle versioni fornite da quattro fonti autorevoli, contemporanee (Antonio Lucifero, Giuseppe Fiorelli) o di poco posteriori agli avvenimenti (Armando Lucifero, Nicola Sculco), vengono inoltre indagate le discrepanze della documentazione in ordine alla data della scoperta, al sito, all’identitadei rinvenitori, al numero, alla qualità e ai tipi delle monete, alle piazze di vendita, all’identità di venditori e acquirenti.

Ciò ha consentito di inquadrare in modo puntuale un ritrovamento
che nell’immediato suscitò grande scalpore e di cui si conservò a lungo memoria in città (un accenno e anche in Paolo Orsi); oltretutto, esso avvenne in un settore dell’abitato antico che ha restituito testimonianze analoghe anche nell’ultimo decennio, ma che proprio tra fine Ottocento e inizio Novecento fu teatro di altre importanti scoperte fin qui sottovalutate a causa delle difficoltà di identificazione di toponimi oggi desueti.