Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloDori d’Italia e di Sicilia e popolazioni locali nelle politeiai aristoteliche di Magna Grecia e Sicilia
Autore(i)
Data rilascio2012
Contenitore, TitoloAristonothos, scritti per il Mediterraneo Antico
RiferimentiVol. 7
TipoArticolo di periodico specializzato
Classificazioni Biblioteca GAK
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Academia.edu   Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 7877
Data inserimento: 19-05-2020 01:58
Data ultima revisione 19-05-2020 01:58
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/donatella-erdas-dori-ditalia-e-di-sicilia-e-popolazioni-locali-nelle-politeiai-aristoteliche-di-magna-grecia-e-sicilia-2012/

Omnium fere civitatum non Graeciae solum, sed etiam barbariae ab Aristotele mores, instituta, disciplinas, a Theophrasto leges etiam cognovimus.
Per quasi tutte le città, non solo della Grecia, ma anche del mondo barbaro, noi conosciamo, tramite Aristotele, i costumi, le istituzioni, il sistema politico; tramite Teofrasto anche le leggi.
L’affermazione ciceroniana, spesso chiamata a testimoniare l’ampia attività di raccolta di materiale istituzionale e legislativo che si svolgeva nel Peripato sotto la direzione di Aristotele, promette più di quanto ciò che sopravvive dal naufragio delle opere aristoteliche sia riuscito a mantenere circa lo spazio riservato alle genti anelleniche che furono a contatto in tempi e luoghi diversi con la realtà greca. In particolare le informazioni che dalle politeiai aristoteliche, dagli estratti che di esse compilò Eraclide Lembo, e ancora di più dai Nomima barbarika, si possono desumere sulle popolazioni locali dell’Italia meridionale e della Sicilia non sono sempre immediatamente percepibili, ma devono essere, per così dire, ricavate tra le pieghe dei frammenti.
Un catalogo ragionato di quegli elementi di cultura o realtà locale che emergono da essi ci aiuterà a individuare anche i tratti di originalità della tradizione aristotelica sulla fondazione e i primi anni di vita di alcune poleis di Magna Grecia e Sicilia.

Riguardo Crotone, la pubblicazione affronta il problema delle relazioni delle fonti antiche sui miti della fondazione (Croton, Lacinia, Eracle, Miscello)

Articoli e Pubblicazioni correlati