Scheda Bibliografica

Scheda Bibliografica (BDG-Biblioteca Digitale del GAK)

TitoloL’arx fortificata di Croto
Autore(i)
Data rilascio2007
Contenitore, TitoloORIZZONTI, Rassegna di archeologia
RiferimentiAnno VIII, p. 133-136
Casa editriceFabrizio Serra editore, Pisa - Roma
TipoArticolo di periodico specializzato
Classificazioni Biblioteca GAK
Visualizza o scarica

Sono proposte una o più fonti di consultazione della pubblicazione. Un click sul bottone aprirà il documento in una nuova finestra

Biblioteca Digitale Krotoniate del GAK  
Ricerche correlate nel web
Altre Informazioni Biblioteca GAK
ID Archivio: 8225
Data inserimento: 23-06-2020 13:39
Data ultima revisione 23-06-2020 13:40
Permalink: https://www.gruppoarcheologicokr.it/biblioteca/mirco-mungari-larx-fortificata-di-croto-2007/

L’arx di Crotone nasce come una rudimentale fortezza sull’antica Acropoli greca, per difendere il territorio dalle invasioni straniere.
La rocca (arx in latino) sovrastava da una parte il mare e dall’altra la campagna ed era posta in un luogo difeso dalla natura, perché circondato da rupi.
Arx Crotonis, una parte imminens mari, altera vergente in agrum, situ tantum naturali quondam munita, postea et muro cincta est, qua per aversas rupes ab Dionysio Siciliae tyranno per dolum fuerat capta” (Livius XXIV, 3).

Il primo che riuscì con uno stratagemma a conquistarla fu Dionisio il vecchio, tiranno di Siracusa, nel 380-378 a.C. durante la guerra tra Siracusa e Crotone (Dionisio di Alicarnasso, Excerpta, XX, 7). In seguito fu cinta di mura.

Dalla fine del III secolo Crotone appare una città stremata, della cui grandezza passata resta solo il ricordo; da allora in poi, fino al XIX secolo, il centro abitato si concentrerà sulla collina del Castello, accuratamente fortificata e protetta.

Articoli e Pubblicazioni correlati

Visualizzazioni: 7